SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A 19,00€!

Sofia Petitto, campionessa di judo

sofia-petitto-livegreenSofia Petitto è una giovane campionessa di judo. Originaria della Calabria, si è trasferita in Piemonte per diventare una campionessa internazionale di judo. Nonostante la giovane età, Sofia ha già raggiunto traguardi importanti: nel 2015 infatti ha vinto gli EYOF (European Youth Olympic Festival) a Tbilisi in Estonia ed è arrivata seconda ai Campionati del Mondo della categoria Cadetti che si sono svolti a Sarajevo nel 2015. Sofia gareggia nella categoria 48 kg e, assieme a Martina Esposito (di cui puoi leggere l'intervista qui) è una delle promesse italiane del judo.

Qual è la tua specialità sportiva? Perché è diversa dalle altre e qual è la sua peculiarità?

Il judo è un’arte marziale giapponese di antichissime origini. Diversamente da tante altre, è un’arte marziale di difesa. È uno sport completo che allena sia la mente che lo spirito, e che tempra il carattere. Io gareggio nella categoria di peso dei 48kg e attualmente, dopo qualche anno nei Cadetti (under 18) sono passata agli Junior (tra i 18 ed i 21 anni.

Da quanto tempo pratichi questo sport e quali sono stati i tuoi traguardi più importanti? Ce li racconti?

Pratico questo sport da quando avevo 11 anni, quindi da 9 anni. Fino adesso, ho vinto i campionati italiani Cadetti, sono arrivata quinta agli Europei under 18, prima agli EYOF 2015 (European Youth Olympic Festival), e poi seconda ai mondiali, sempre nella categoria Cadetti. Purtroppo poi mi sono rotta i crociati di entrambe le ginocchia e sono dovuta stare ferma per i primi due anni della categoria Junior (dai 18 ai 21 anni, ndr). Sono rientrata da poco (lo scorso anno, il 2018), ho cominciato a vincere tutte le gare di Coppa Europa e poi, sempre lo scorso anno, sono arrivata quinta agli Europei Junior. Le gare di Coppa Europa sono importanti perché i migliori di quelle gare vengono selezionati per la Nazionale maggiore per gli Europei e per i Mondiali, a cui possono andare 2 persone per ogni categoria. Lo scorso anno ho vinto tre medaglie, a Coimbra, a La Coruna e a Sarajevo.

Quante ore ti alleni al giorno? Come è la tua giornata tipo? Normalmente cosa mangi?

La mattina vado in palestra per un’oretta, poi la sera dalle 19 alle 20.30, per un totale di circa 3 ore al giorno. L’alimentazione è molto particolare, perché come judoka dobbiamo rientrare nelle categorie di peso. Io sono nella fascia dei 48 kg, ma di solito io peso sui 52-53 kg, quindi prima delle gare devo calare 4 o anche 5 kg per rientrare nella fascia. Dopo che facciamo una gara e caliamo il peso, tendiamo a mangiare di più, perché veniamo da giorni in cui, per calare il peso, arriviamo anche a non bere prima della prova del peso. Cioè nel judo l’alimentazione è importante, ma ha un impatto diverso dal altri.

Quanta Spirulina prendi e in che modo?

La Spirulina la preferisco nelle barrette al cioccolato e Spirulina, sono buonissime, super energetiche e prima degli allenamenti sono perfette per avere la giusta dose di energia.

La Spirulina ti piace perché...

Mia mamma era già molto informata sulla Spirulina, e la prendeva già prima. Però ora che abbiamo scoperto la Spirulina Italiana sono molto più contenta perché sono più sicura della sua provenienza. Può essere anche molto utile nel calo peso: quando devo calare, posso prendere della Spirulina Italiana per diminuire il mio peso, perché dà molta energia con pochi grammi.

Quale è il ricordo sportivo che ti emoziona ancora adesso?

Sicuramente il momento più emozionante della mia carriera fino ad ora è stata la vittoria agli EYOF (European Youth Olympic Festival), perché è stata la prima gara di alto livello che ho vinto e perché è impostata come un’olimpiade, e quindi c’è il villaggio olimpico, ci sono le manifestazioni iniziale e finale, che ti emozionano molto, perché insomma vedere la bandiera dell’Italia e pensare che la stai difendendo proprio tu è un’emozione pazzesca!

Come è nata la tua passione per questo sport? Quando hai deciso che sarebbe diventata la tua vita?

All’inizio era mio fratello Samuele a fare judo e guardandolo mi è piaciuto molto fin da subito, e quindi ho deciso di provare. Dopo le prime gare, ho capito che poteva essere il mio sport perché comunque i risultati erano molto buoni.

Hai mai praticato altri sport?

Da piccola facevo nuoto, ma non ricordo bene: mi ricordo solo che piangevo sempre. Poi dalla prima elementare alla prima media ho fatto ginnastica artistica, e poi ho iniziato judo.

I tuoi prossimi progetti ed obiettivi quali sono? Ci sono delle gare, dei campionati o dei tornei a cui punti prossimamente?

In aprile ci saranno gli assoluti e saranno molto importanti per andare a fare altre gare per le qualifiche, tipo i Grand Prix e gli Slam. Ovviamente punto a Tokio 2020, anche se sono molto lontana perché essendo molto giovane non ho ancora fatto risultati qualificanti. Però magari posso puntare a Parigi 2024, sicuramente è più alla mia portata perché avrò più tempo per provare a qualificare. Avendo perso 2 anni per la rottura dei crociati, mi tocca puntare ad un obiettivo più di lungo periodo.


Potrebbero interessarti anche...

Livegreen al SANA 2019!
Livegreen sarà presente alla trentunesima edizione del SANA di Bologna, per presentare tutti i nuovi prodotti con Spi...
Leggi ora
Martina Esposito, campionessa di judo
Martina Esposito, classe 2001, è una giovane campionessa di judo italiana, che, nonostante la giovane età, ha già rag...
Leggi ora
Sofia Tomasoni, campionessa olimpica di kitesurf
Sofia Tomasoni, classe 2002, è una giovanissima campionessa di kitesurf, una disciplina velica molto particolare ed "...
Leggi ora